L’allentamento dei provvedimenti contro il coronavirus è accompagnato dalle nuove sfide…

Il coronavirus ha fortemente colpito le scuole private. Tutte le scuole sono state chiuse il 13 marzo 2020. Da allora cercano di funzionare con l’insegnamento a distanza in qualche modo. La situazione ha cambiato e cambia ancora continuamente. Gli allentamenti graduali del lockdown portano delle nuove sfide…

Per potere riprendere l’insegnamento presenziale, le scuole devono mantenere delle direttive rigide per la protezione della salute di tutti i lavoratori, insegnanti e apprendenti. Le scuole dell’obbligo elaborano piani di protezione in collaborazione con i Cantoni o i Comuni competenti, basati sui principi per la protezione della salute e dei lavoratori stabiliti dall’UFSP e dalla Segreteria di Stato dell’economia SECO. Secondo quei principi le aziende e le scuole devono pianificare e applicare le misure per il mantenimento della distanza necessaria tra le persone e di igiene. Naturalmente vale anche per le scuole private.
Ora in tutti i cantoni i piani di protezione sono disponibili per riprendere l’insegnamento presenziale alle scuole dell’obbligo. Gli indirizzi web sono pubblicati nel comunicato stampa della CDPE del 7 maggio 2020.
Principalmente responsabile per l’applicazione dei piani di protezione sono le scuole stesse, non lo stato. La sorveglianza dell’applicazione incombe ai cantoni.

La federazione “Educazione Privata Svizzera EPS” sostiene la nostra rete con raccomandazioni e una valutazione della situazione.
Volete notare che la situazione può cambiare continuamente a causa dei provvedimenti del Consiglio federale. Completiamo la nostra documentazione nel miglior modo possibile.
07.05.2020, Segreteria delle Scuole Cattoliche della Svizzera

Partecipate alla nostra discussione – condividete le vostre esperienze e conoscenze con colleghi. Scrivete osservazioni, fate delle domande…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News & suggerimenti